La lingua tedesca della neurologia. Alcune considerazioni basate su corpus
HTML
PDF

Come citare

Di NunzioA. (2019). La lingua tedesca della neurologia. Alcune considerazioni basate su corpus. Publifarum, (31). URL da http://publifarum.farum.it/index.php/publifarum/article/view/225

Abstract

Negli ultimi decenni si è assistito a uno sviluppo sempre maggiore degli studi scientifici dedicati alle lingue speciali il cui focus, inizialmente concentrato sul lessico, si è poi progressivamente esteso «alla morfologia e alla sintassi delle LS, e in seguito all’organizzazione testuale e pragmatica del discorso scientifico» (ROSS 2004: 107). Obiettivo del presente contributo è presentare un’analisi incentrata su alcuni tratti essenziali della lingua tedesca della neurologia. L’analisi proposta è basata su un corpus di lingua scritta costituito da 90 linee guida adottate in Germania dalla Deutsche Gesellschaft für Neurologie per un totale di 915.877 parole. Il corpus è stato analizzato prima a livello quantitativo, con l’uso del software Sketch Engine, e successivamente a livello qualitativo. La prima analisi ha evidenziato, da un lato, una presenza massiccia di sostantivi rispetto a verbi, aggettivi e avverbi, dall’altro l’ampio uso a livello verbale di forme passive e forme impersonali. Il secondo livello di analisi si è sviluppato da un punto di vista qualitativo seguendo i due filoni emersi dall’analisi precedente: l’attenzione è stata rivolta prima ai processi di formazione dei termini che compongono il corpus, evidenziando la loro origine classica, e poi all’uso frequente di forme verbali passive e di forme impersonali introdotte dai pronomi es e man tipiche della lingua medica tedesca.

HTML
PDF

La rivista elettronica Publifarum diventa proprietaria dei diritti d'autore degli articoli selezionati dal Comitato di Redazione. Nessun testo accettato potrà essere pubblicato altrove, senza previo accordo con i responsabili della rivista. Nessun compenso sarà pagato agli autori. In caso di mancata accettazione dell'articolo, la rivista dà all'autore il diritto di presentare il suo testo altrove.

La rivista pubblica in Open Acces.