La chiave educativa di un positivo cambiamento attraverso il teatro. Il corpo del condannato in Gramsci, Genet, Kafka, Foucault.
Foto di Barbara Cardini
HTML

Come citare

MinoiaV. (2020). La chiave educativa di un positivo cambiamento attraverso il teatro. Il corpo del condannato in Gramsci, Genet, Kafka, Foucault. Publifarum, (32). URL da http://publifarum.farum.it/index.php/publifarum/article/view/262

Abstract

Lo scritto si ispira ad un’esperienza condotta dall’autore, impegnato in un progetto educativo di elaborazione drammaturgica e scenica con la Compagnia di detenuti e detenute “Lo Spacco” nella Casa Circondariale di Pesaro. Il lavoro trae linfa dalle Lettere dal carcere di Antonio Gramsci, offrendo lo spunto per una riflessione sulle trasformazioni “molecolari” della persona reclusa. La storia dell’immaginario ha spesso avuto opere letterarie ed artistiche tra i suoi documenti privilegiati. La riflessione individua quindi un viaggio comparativo, nella prospettiva della costruzione di un modello culturologico. Limitatamente ad alcuni scritti novecenteschi presi in considerazione (da Genet, Kafka, Foucault), si illustra come l’attenzione dei singoli scrittori sia focalizzata essenzialmente sulle tecniche coercitive che, nell’ambito del “luogo-prigione”, si esercitano sul corpo del condannato ripercorrendo le tappe di un vero e proprio “processo di decorporeizzazione” (con Deleuze) nella strategia del potere di punire.

HTML

La rivista elettronica Publifarum diventa proprietaria dei diritti d'autore degli articoli selezionati dal Comitato di Redazione. Nessun testo accettato potrà essere pubblicato altrove, senza previo accordo con i responsabili della rivista. Nessun compenso sarà pagato agli autori. In caso di mancata accettazione dell'articolo, la rivista dà all'autore il diritto di presentare il suo testo altrove.

La rivista pubblica in Open Acces.