L’antropopoiesi carceraria di Borislav Pekić e il suo Giuda personale
Foto di Barbara Cardini
HTML

Come citare

Lazarević Di GiacomoP. (2020). L’antropopoiesi carceraria di Borislav Pekić e il suo Giuda personale. Publifarum, (32). URL da http://publifarum.farum.it/index.php/publifarum/article/view/272

Abstract

Il presente lavoro è dedicato all’analisi del primo volume del trittico Godine koje su pojeli skakavci (Anni divorati dalle locuste, Belgrado 1987, 1989, 1990), opera dello scrittore iugoslavo Borislav Pekić (1930-1992). I tre volumi rappresentano le memorie del carcere dell’autore, che fu arrestato nel 1949 e scontò per anni la pena tra Sremska Mitrovica e Niš. Muovendo da una vicenda personale, Pekić trasforma la sua narrazione in un’antropopoiesi carceraria dal respiro universale, che suona come duro monito contro ogni forma di regime e contro i soprusi che ne derivano.

HTML

La rivista elettronica Publifarum diventa proprietaria dei diritti d'autore degli articoli selezionati dal Comitato di Redazione. Nessun testo accettato potrà essere pubblicato altrove, senza previo accordo con i responsabili della rivista. Nessun compenso sarà pagato agli autori. In caso di mancata accettazione dell'articolo, la rivista dà all'autore il diritto di presentare il suo testo altrove.

La rivista pubblica in Open Acces.