Fanciulle ribelli nell’opera di Malika Mokeddem
HTML
PDF

Parole chiave

Malika Mokeddem, letteratura femminile, letteratura maghrebina, letteratura francofona, bambini e letteratura

Come citare

ZOPPELLARI, A. (2020). Fanciulle ribelli nell’opera di Malika Mokeddem. Publifarum, (22). URL da https://publifarum.farum.it/index.php/publifarum/article/view/491

Abstract

Nei romanzi di Malika Mokeddem, l’infanzia è l’archetipo di un’innocenza tradita. Il fanciullo, ma soprattutto la fanciulla, lottano da subito per la sopravvivenza, allo stesso modo di come l’adulto ha un rapporto difficile con la collettività. Il legame tra l’individuo e il gruppo è d’altra parte ambivalente: da una parte il singolo vive con sofferenza la propria differenza, ma la rivendica come uno spazio di libertà, dall’altra egli desidera recuperare la memoria collettiva, di cui si sente l’unico portatore in una società degradata. Attraversare i drammi individuali significa quindi paradossalmente risvegliare la speranza per il futuro di tutti. Per questa via, l’immagine dell’infanzia in Mokeddem ritrova la funzione simbolica che aveva nelle opere dei padri fondatori: giudicare il presente per ipotizzare il futuro. Tuttavia, nell’opera della scrittrice contemporanea, il fanciullo, o più precipuamente la fanciulla, è lo specchio di un atteggiamento mutato nei confronti del mondo e del ruolo della letteratura: non più prefigurazione di un mondo nuovo, ma denuncia dei limiti del mondo attuale, revisione di un percorso, voce da dare al silenzio.

HTML
PDF

Riferimenti bibliografici

M. MOKEDDEM, Les Hommes qui marchent, Paris, Ramsay, 1990.

EAD., Le Siècle des sauterelles, Paris, Ramsay, 1992.

EAD., L’Interdite, Paris, Grasset, 1993.

EAD., Des Rêves et des assassins, Paris, Grasset, 1995.

EAD., La Nuit de la lézarde, Paris, Grasset, 1998.

EAD., N’zid, Paris, Le Seuil, 2001.

EAD., La Transe des insoumis, Paris, Grasset, 2003.

EAD., La Jeune Fille et la mère, Paris, Le Seuil, 2005.

EAD., Je dois tout à ton oubli, Paris, Grasset, 2008.

J. DÉJEUX, La Littérature féminine de langue française au Maghreb, Paris, Khartala, 1994.

M. DIB, La Grande Maison, Paris, Le Seuil, 1952.

B. DIDIER, L’Écriture-femme, Paris, PUF, 1981.

C. DUJARDIN-LACOSTE, Des Mères contre des femmes, Paris, La Découverte, 1985.

A. MEMMI, La Statue de sel, Paris, Corréa, 1953.

B. STORA, Algérie, Maroc: histoires parallèles, destins croisés, Paris, Maisonneuve et Larose, 2002.

M. VALERI, «Introduzione», in A. CORSI, C. M. FORLI, M. VALERI, Infanzia narrata, Ferrara, Corso, 1997.

Creative Commons License

Questo lavoro è fornito con la licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.

Copyright (c) 2020 Publifarum