La mamma è sempre la mamma? Figure materne nel romanzo francese degli ultimi venticinque anni
HTML
PDF

Parole chiave

Figure materne
romanzo francese
mamma

Come citare

Galli Pellegrini, R. (2006). La mamma è sempre la mamma? Figure materne nel romanzo francese degli ultimi venticinque anni. Publifarum, (4). URL da https://publifarum.farum.it/index.php/publifarum/article/view/67

Abstract

Genericamente parlando, sul romanzo francese degli ultimi venticinque anni incombe il segno della “perdita”. Perdita dei modelli, perdita delle certezze e delle ideologie, perdita delle motivazioni: a questo senso diffuso di deperdizione fa da contrappunto l’aggrapparsi alle cose, ai luoghi, alle persone del passato, sia nel campo dell’immaginario o dello pseudorealistico, sia nelle varie interpretazioni della biografia e dell’autobiografia. Da Michon a Bon, da Juliet a Ernoux e altri, il passato è soggetto a rievocazione quando non a bilanci. E, per avvicinarci gradualmente al nostro soggetto, spesso e volentieri nella scrittura, viene sottoposta a dissezione la figura paterna. Perduto perché semplicemente defunto, perduto perché defunto senza essere stato apprezzato, perduto per aver preferito la fuga, il padre sembra il genitore che ha maggiormente inciso sull’autore e che anche, e per grande beneficio del romanziere, è diventato materia di scrittura e conseguentemente di pubblicazione. E che ne è della madre?

HTML
PDF

Riferimenti bibliografici

Femmes de paroles, paroles de femmes. Hommage à Giorgio De Piaggi, Publif@rum, 4, 2006

La rivista elettronica Publifarum diventa proprietaria dei diritti d'autore degli articoli selezionati dal Comitato di Redazione. Nessun testo accettato potrà essere pubblicato altrove, senza previo accordo con i responsabili della rivista. Nessun compenso sarà pagato agli autori. In caso di mancata accettazione dell'articolo, la rivista dà all'autore il diritto di presentare il suo testo altrove.

La rivista pubblica in Open Acces.